Coach in cammino

Se, durante una passeggiata, vi è capitato di “vedere” improvvisamente la soluzione di un problema o avete sentito sorgere in voi delle domande che vi hanno portato a delle riflessioni importanti, significa che avete fatto un’esperienza spontanea di coaching in cammino.
Il rapporto fra il camminare e l’elaborazione del pensiero è ben nota a molti filosofi e pensatori, i quali trovavano nell’azione del passeggiare il tramite per lo sviluppo di nuove idee e il raggiungimento di una maggiore consapevolezza. Jean Jaques Russeau scrisse “La marcia ha qualcosa che mi anima e ravviva le idee: sono quasi incapace di pensare quando sto fermo, e bisogna che il mio corpo si scuota affinchè lo spirito gli si accompagni”*
In epoca ben più recente, le neuroscienze hanno messo in luce la connessione fra il movimento fisico e la vitalità dell’attività cerebrale. Il salto evolutivo che ha reso l’uomo diverso dalle altre specie animali si è realizzato nel momento in cui ha iniziato a spostarsi sulle zampe posteriori lasciando libere quelle anteriori di realizzare gli strumenti di cui aveva bisogno. A questo passaggio ha corrisposto lo sviluppo della corteccia cerebrale , sede del pensiero astratto, che quegli stessi strumenti ha permesso di immaginarli
Tutti camminiamo… e il movimento fisico è interconnesso a quello emotivo e mentale
Nel camminare possiamo connettere testa, pancia e cuore: sentire il nostro corpo e ascoltarne i segnali, accogliere le emozioni e il loro fluire, lasciare che i pensieri si formino naturalmente e senza sforzo per condurci ad una più ampia consapevolezza.
“Coach in cammino” è un’esperienza guidata che si può fare sia individualmente che in piccoli gruppi, un modo di lavorare su sé stessi, sui propri obiettivi, blocchi e potenzialità, unendo movimento, pensiero ed emozione.
Si svolge sempre in mezzo alla natura, “via dalla pazza folla”, in profonda connessione con noi stessi e con l’ambiente che ci circonda.
* Jean Jaques Russeau
“Le confessioni”